Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 0231


Comunità straniere: Lastri, coordinamento è esperienza unica a livello nazionale

La consigliera segretaria dell’Ufficio di presidenza dell’Assemblea toscana ha ripercorso la storia e fatto il punto sulle prospettive future

 

1 marzo 2014

 

Firenze – Dal Forum “Percorsi di cittadinanza” del comune di Pontedera al Coordinamento regionale delle associazioni dei cittadini stranieri e degli organismi consultivi di rappresentanza delle comunità straniere, guardando alle prospettive future. Questo il percorso tracciato da Daniela Lastri, consigliera segretaria dell’Ufficio di presidenza dell’Assemblea toscana all’incontro pubblico “Un nuovo modello di coordinamento” delle associazioni e degli organismi di partecipazione e rappresentanza delle comunità straniere in Toscana, che si è svolto questa mattina nell’Auditorium del Consiglio regionale

“Oggi, attraverso il Coordinamento diamo voce ad una rappresentanza reale delle comunità straniere nella nostra regione, un punto di incontro per le stesse comunità che diventa interlocutore riconosciuto per le istituzioni, chiamate a dialogare e confrontarsi sulle politiche territoriali dell’integrazione, dell’intercultura e su tutte quelle tematiche che coinvolgono anche i cittadini migranti”. Così ha esordito Daniela Lastri, spiegando che l’idea di promuovere la nascita del “Coordinamento” si è sviluppata nell’ambito del Forum “Percorsi di cittadinanza”, organo consultivo istituito dall’Amministrazione comunale di Pontedera nel 2011, per promuovere il dialogo e la conoscenza fra pubblica amministrazione, società civile e cittadini migranti. Dal Forum – composto da rappresentanti del Comune di Pontedera, del mondo della scuola e del lavoro, della Questura, del Centro per l’impiego, del mondo associativo italiano e straniero, delle cooperative sociali e da due rappresentanti nominati dalle comunità stranieri presenti sul territorio – è scaturita un’esperienza di dialogo e di conoscenza reciproca, tesa a coinvolgere i cittadini migranti sui tanti aspetti che toccano la vita di tutti i giorni: scuola, salute, lavoro, servizi sociali.

“Manifesto dell’iniziativa di oggi è il regolamento che disciplina il funzionamento del neonato ‘Coordinamento delle Associazioni e degli organismi di partecipazione e rappresentanza delle comunità straniere in Toscana’, esperienza unica a livello nazionale – ha sottolineato la consigliera – la cui adesione è avvenuta come processo spontaneo nel corso dei tanti incontri svoltisi con associazioni e comunità di cittadini stranieri presenti nei territori”.

“Attraverso il Coordinamento possiamo avere una visione strategica del rapporto tra comunità straniere e istituzioni – ha ribadito Lastri – in una prospettiva politica di confronto con il Consiglio regionale”.

Ancora uno spunto di riflessione: “Oggi abbiamo presentato due importanti progetti in corso di attuazione, su ambiti di particolare interesse per i cittadini e le comunità straniere, come la prevenzione ed il contrasto di ogni forma di discriminazione – ha detto la consigliera – in vista di una società rinnovata, fondata su ampie e profonde relazioni interculturali”. “Un terreno che ha visto, vede e vedrà sempre la Toscana impegnata in prima persona”, ha concluso Daniela Lastri. (ps)

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi