Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 0046


Libri: la deportazione vissuta da un adolescente

Presentazione venerdì 24 gennaio in palazzo Bastogi dell’opera “Era ancora un ragazzo” di Massimo Settimelli. Intervengono Daniela Lastri e Vanessa Boretti. L’iniziativa rientra nel programma del Consiglio per il Giorno della Memoria

 

22 gennaio 2014

 

Firenze – Alberto Ducci aveva meno di 17 anni quando, dalla mattina alla sera, incappato nei rastrellamenti che seguirono gli scioperi dell’8 marzo del 1944, venne arrestato e deportato nei campi di concentramento di Mauthausen e in seguito di Ebensee. Riuscì, uno dei pochi, a sopravvivere. Tornato a casa, indelebilmente segnato, ha cercato per tutta la sua esistenza di trasmettere la memoria dell’accaduto. Alla sua figura e alla sua storia è dedicato il libro “Era un ragazzo” a cura di Massimo Settimelli, editrice Giuntina. Il volume sarà presentato venerdì prossimo 24 gennaio alle ore 17 nella sala delle Collezioni di palazzo Bastogi, in via Cavour 18 a Firenze. Interverranno le consigliere regionali Daniela Lastri, membro dell’Ufficio di presidenza, e Vanessa Boretti e, inoltre, Giovanni Di Fede, Alessio Ducci e Daniel Vogelmann. Sarà presente l’autore. (cem)

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi