Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 0033


Formazione professionale: trovare fondi, a rischio 180 giovani del Centro di Firenze

Consiglio regionale unanime sulla mozione, prima firmataria Daniela Lastri (Pd), per rispondere al problema dei “drop-out” a Firenze e in Toscana. Testo sottoscritto da tutti i componenti della V Commissione consiliare e da altri consiglieri regionali

 

16 gennaio 2014

 

Firenze – Centottonata giovani, tra i 16 e i 18 anni, sono rimasti esclusi dai corsi professionali promossi dal Centro formazione di Firenze. Questa notizia ha portato il Consiglio ad approvare una mozione – prima firmataria Daniela Lastri (Pd) - per rispondere al problema dei “drop-out”, ovvero dei ragazzi e delle ragazze che fuoriescono dal sistema scolastico in Toscana. La schiera dei 180 giovani, infatti, non solo subisce un grave danno al proprio percorso formativo, ma va ad infoltire il numero della dispersione scolastica, che nel 2011 ha raggiunto il 18,6 per cento, dato superiore alla media nazionale (18,2) e lontano dall’obiettivo europeo che si propone una quota inferiore al 10 per cento entro il 2020. “A Firenze si è venuta a creare una situazione particolarmente grave - ha dichiarato la consigliera Daniela Lastri -. Sono 180 le ragazze e i ragazzi che, pur dichiarati idonei, non hanno potuto iniziare i corsi del Centro di Formazione Professionale; la Legge Finanziara Regionale 2014 ha però previsto che la Regione Toscana anticipi le future quote comunitarie, nazionali e di cofinanziamento regionale dei programmi a titolarità della Regione Toscana con uno stanziamento complessivo di 82 milioni di euro”. “E' per questo motivo - ha proseguito Daniela Lastri - che abbiamo deciso di cogliere questa occasione per dare un indirizzo specifico al Governo regionale: con una quota di queste risorse si recuperino alla formazione questi giovani; si tratta di un investimento fondamentale per il loro futuro ma anche per la Toscana che deve assolutamente invertire la tendenza degli attuali dati sull’abbandono scolastico”. “Ogni studente che lascia il percorso formativo - ha concluso Lastri - è una ferita per la coesione e lo sviluppo del nostro territorio”. La mozione impegna il presidente e la Giunta ad adottare tutti i provvedimenti necessari, attraverso le risorse stanziate dalla Finanziaria 2014, per dare una risposta ai 180 giovani. L’atto chiede infine di verificare e intervenire, con le stesse modalità se, in altri territori della regione, si sono manifestate situazioni analoghe a quelle della Provincia di Firenze. (ps)

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi