Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 1278


Partecipazione: il dibattito pubblico, cos’è e come funziona

Venerdì 6 dicembre alle ore 15 nell’auditorium di Palazzo Panciatichi il convengo promosso da Giunta e Consiglio, alla vigilia della piena operatività della legge regionale

 

5 dicembre 2013

 

Firenze – Cos’è il dibattito pubblico? Come funziona? Il tema sarà al centro di un incontro, promosso dalla commissione Affari istituzionali del Consiglio regionale e dall’assessorato alla presidenza della Giunta Regionale, che si svolgerà venerdì 6 dicembre alle ore 15 nell’auditorium del Consiglio regionale, in via Cavour 4 a Firenze. La legge regionale sulla partecipazione, recentemente approvata dall’assemblea toscana, introduce per la prima volta nella legislazione italiana l’obbligatorietà dell’istituto del Dibattito pubblico su opere e interventi di rilevanza regionale, a partire da una determinata soglia finanziaria. L’incontro, alla vigilia della piena operatività della nuova legge regionale, vuol mettere a confronto le esperienze fin qui condotte in Italia e, soprattutto, in Francia, dove la legislazione del Dèbat public è stata introdotta e sperimentata da alcuni anni. Saranno il presidente della commissione Affari istituzionali, Marco Manneschi, e l’assessore alla Presidenza della Regione Toscana, Vittorio Bugli ad aprire i lavori. Seguiranno le relazioni di Laurence Monnoyer-Smith, docente all’Università di Compiègne e vicepresidente della Commission nationale du Débat Public, di Luigi Bobbio dell’università di Torino e di Massimo Morisi dell’università di Firenze. Si aprirà, quindi il dibattito, al quale parteciperanno Massimiliano Atelli responsabile della segreteria tecnica del ministero dell’Ambiente, Gabriele Baccetti, responsabile dell’area giuridica di Confindustria toscana, Alfredo De Girolamo, presidente Cispel toscana, Fausto Ferruzza, presidente di Legambiente toscana, Simone Gheri, sindaco di Scandicci, Silvia Viviani, vicepresidente dell’Istituto nazionale di urbanistica, Daniela Lastri consigliera segretario dell’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale, Alessandro Antichi, vicepresidente della commissione Affari istituzionali del Consiglio regionale, Stefania Fuscagni, portavoce dell’opposizione, Monica Sgherri, presidente del gruppo consiliare FdS-Verdi. (dp)

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi