Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 0835


Strage Bologna: Lastri, bisogno di verità e giustizia

La consigliera ha partecipato, in rappresentanza del Consiglio, alla commemorazione delle vittime del 2 agosto 1980

 

2 agosto 2013

 

Firenze – “A 33 anni di distanza è sempre una emozione particolare partecipare in piazza Stazione a Bologna al ricordo del 2 agosto 1980, quando le lancette dell’orologio si fermarono alle 10.25, per segnare una delle pagine più buie della strategia della tensione, che portò alla morte di 85 persone e al ferimento di 200”. Questo il commento a caldo di Daniela Lastri, segretaria dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale, che a Bologna ha rappresentato l’Assemblea toscana. “Dopo tanti anni emerge ancora con più forza il bisogno di verità e di giustizia – ha continuato – l’urgenza di andare fino in fondo per svelare i veri mandanti di questa e di altre stragi rimaste senza nome”. “E’ importante che le Istituzioni continuino a sostenere i familiari delle vittime e a fare memoria di tutte le stragi – ha concluso Lastri – soprattutto per tramandare alle giovani generazioni che al di sopra di tutto deve esserci la ricerca della verità e della giustizia, senza mai far sfociare il dolore in rabbia o odio”. Bologna, come ogni anno, ha ricordato la strage con un fitto calendario di eventi e iniziative: musica, incontri, deposizione di corone, corteo e celebrazioni, per non dimenticare uno degli atti terroristici più gravi avvenuti in Italia nel secondo dopoguerra. Una giornata - promossa dall’Associazione Familiari Vittime della strage del 2 agosto e dal Comitato di solidarietà - per commemorare le vittime, esprimere vicinanza a familiari e feriti, e per non abbassare mai la guardia. Nel corso della manifestazione sono state inoltre intitolate alcune strade della città con il nome delle vittime del 2 agosto 1980. (ps)

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi