Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 0758


Antirazzismo: Lastri, integrazione è partecipazione

L’esponente dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio ha rappresentato il Consiglio toscano al Meeting di Cecina

 

12 luglio 2013

 

Firenze –“Partecipiamo al diciannovesimo Meeting Antirazzista perché lo riteniamo di grande importanza per l’integrazione dei nuovi cittadini e la valorizzazione delle donne immigrate. In quest’ottica il Consiglio regionale ha messo a punto un importante progetto, l’Euro-african partnership, proprio per sviluppare la collaborazione con le comunità straniere presenti in Toscana e promuovere la partecipazione delle donne straniere alla vita sociale e pubblica della nostra realtà”.
Così si è espressa la consigliera Daniela Lastri dell’Ufficio Presidenza del Consiglio toscano, ieri sera, intervenendo al Meeting Antirazzista di Marina di Cecina promosso da Regione Toscana, Cesvot ed Arci. La Lastri, a Cecina, ha presentato il progetto Euro-african partnership dedicato “allo sviluppo dell’associazionismo e ai temi della formazione, della salute e dell’orientamento verso i servizi”.
 A partire dallo scorso anno, ha evidenziato la Lastri, “si è attivata una campagna di riflessione e sensibilizzazione sul ruolo delle donne africane nei loro Paesi ed anche qui in Toscana, dove vivono, lavorano e studiano ormai molte donne provenienti dal continente africano”.
La Lastri ha anche sottolineato “l’importanza della promozione di iniziative che tendono a creare sempre di più un patto fra italiani ed emigrati” perché “un vero patto di questo genere può nascere solo se si sostiene la partecipazione”. (mc)
 

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi