Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 1384


Mostre: domani, due le inaugurazioni a palazzo del Pegaso

Venerdì 14 dicembre, doppio taglio del nastro: alle 15.30 “Anthologies” con le sculture di Paola Staccioli e alle 17.30 “#quellache. Storie vere di donne contro i pregiudizi” di Laura Correggioli

 

di Ufficio Stampa, 13 dicembre 2018

 

Scultura e pittura, due le mostre che domani  14 dicembre vengono inaugurate a palazzo del Pegaso.
Alle 15.30 nella sala Affreschi, al primo piano in via Cavour 4, il presidente dell’Assemblea toscanaEugenio Giani taglia il nastro all’esposizione “Anthologies” con le opere di Paola Staccioli a cura di Anita Valentini, critico e storico dell’arte.La mostra proseguirà fino al 27 dicembre con orario 10-13 e 15-18.
 
 Alle 17.30 in  auditorium Spadolini, in via Cavour 4, invece, si inaugura l’esposizione, proposta dalla commissione regionale Pari opportunità,  “#quellache. Storie vere di donne contro i pregiudizi” di Laura Correggioli. Intervengono il presidente dell’Assemblea toscana Eugenio Giani, la presidente della commissione regionale Pari opportunità Rosanna Pugnalini, la critica Monia Baldacci Balsamello e Siliana Biagini della commissione Pari opportunità. La mostra sarà aperta fino a sabato 29 dicembre.
 
“Il filo conduttore della mostra - afferma il presidente Giani nella prefazione - rimanda all’etimologia della parola pregiudizio: atteggiamenti ostili, superficiali e generici, ma che creano una grande sofferenza ed ingiustizia”. “Sono grato – aggiunge Giani - all’artista per aver avuto la determinazione di realizzare questo progetto che lega l’arte all’impegno sociale e politico nel senso più nobile del termine, cosa di cui c’è grande necessità in questo periodo”.
 
“Nelle opere esposte – ha detto Pugnalini – l’artista, affiancando parole e immagini, affronta il tema dell’identità. Le protagoniste sono donne ‘vere’ con storie significative, vittime di pregiudizi legati al loro modo di essere per scelte sia  di vita che professionali, ma anche per aspetto fisico o età. Tante sono le immagini innovative, impreziosite dall’attualità del tema toccato: come costruire l’identità nell’era digitale e come affrontare le problematiche sociali legate alla violenza e alle discriminazioni”.

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi