Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 1206


Minori: emergenza abbandoni, via libera alla legge per contributo a sistema di alert

Approvato all’unanimità il testo di iniziativa dell’Ufficio di presidenza del Consiglio illustrato da Antonio Mazzeo. Approvato all’unanimità anche ordine del giorno di Sì -Toscana a Sinistra che invoca un unico modello software-hardware da fornire ai servizi per l’infanzia

 

di Camilla Marotti, 7 novembre 2018

 

Approvata all’unanimità, con 32 voti favorevoli, la legge per dotare i nidi comunali e convenzionati di un sistema di alert per la comunicazione automatica di assenze ingiustificate e approvato anche, sempre all’unanimità, l’ordine del giorno presentato da Sì - Toscana a Sinistra per studiare un modello unico di software-hardware da fornire agli istituti, valutando la possibilità che sia la stessa Regione a dotarsene.
 
A chiarire lo spirito dell’iniziativa il consigliere segretario dell’Ufficio di presidenza, Antonio Mazzeo: “Se riusciremo a salvare anche solo un bambino - ha detto -, allora avremo dato un contributo importante”.
 
Mazzeo, illustrando l’atto all’aula, ha ricordato le iniziative che si sono susseguite sul tema drammatico degli abbandoni dei minori in auto e delle relative conseguenze, come la mozione di Irene Galletti (M5S) e  l’iniziativa della Giunta regionale, che impone dal 1 gennaio 2019 l’obbligo di registrazione delle presenze e comunicazione delle assenze agli istituti scolastici. “Un provvedimento che riguarda oltre 900 istituti scolastici in Toscana”. Il consigliere ha illustrato la sostanza del provvedimento al voto: “Un contributo di 100mila euro risparmiati nel funzionamento del Consiglio regionale”, che sarà conferito ad Anci per l’acquisto dell’hardware; Anci gestirà poi il controllo con le amministrazioni comunali per il contributo da destinare alle scuole dell’infanzia che aderiscono al progetto di dotarsi del sistema digitalizzato di rilevazione delle presenze e assenze e di allarme alle famiglie in casi di assenze non giustificate. Mazzeo ha infatti richiamato anche il protocollo d’intesa siglato ieri, martedì 6 novembre, in Consiglio, con il presidente dell’Assemblea toscana Eugenio Giani, dall’assessore regionale a Istruzione, formazione e lavoro, Cristina Grieco – la Giunta regionale contribuisce con 50mila euro all’acquisto del software - e la rappresentante di Anci toscana Cristina Giachi.
 
Tommaso Fattori(Sì -Toscana a Sinistra) ha espresso il voto favorevole a un provvedimento che “come tutto ciò che può salvare una vita, deve essere votato”; ha poi illustrato l’ordine del giorno firmato anche da Paolo Sarti, sul qualeproprio  Mazzeo ha annunciato il voto favorevole del gruppo Pd perché l’atto va “esattamente nella direzione intrapresa”.
 
L’ordine del giorno impegna a “un modello unico di software-hardware da fornire ai servizi per l’infanzia, valutando al possibilità che sia la Regione Toscana a dotarsene, per stabilire un efficiente standard unico e controllare l’effettivo utilizzo” da parte degli istituti per l’infanzia. Il Consiglio deve acquisire inoltre una periodica relazione da parte di Anci, da inviare alla competente commissione consiliare, per monitorare quali strutture si siano effettivamente dotate dei sistemi digitali e di quale tipologia essi siano, nonché di quali spese siano state effettivamente affrontate dalle scuole.
 
“Soddisfazione” per il provvedimento al voto anche da Marco Casucci (Lega), consigliere segretario dell’Ufficio di presidenza, che ha sottolineato “lo stanziamento importante” predisposto e il giusto approccio a “migliorare ciò che è sempre migliorabile”, e che sta alla base dell’accoglimento dei vari contributi sul tema.
Da Serena Spinelli  (Art.1 – Mdp) “approvazione e sostegno massimo alla legge regionale”,  che poi va nella direzione di quella nazionale. 

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi