Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 0469


Scrittori: un seminario di studi su Idolina Landolfi

Presentazione della giornata, organizzata dalla Commissione regionale Pari opportunità, mercoledì 16 maggio alle 18 nella sala delle Feste. Intervengono Eugenio Giani e Rosanna Pugnalini

 

14 maggio 2018

 

Firenze – Sono passati dieci anni dalla morta di Idolina Landolfi, scomparsa a soli 50 anni il 27 giugno 2008. Per ricordare la scrittrice, traduttrice e critica letteraria italiana, figlia dello scrittore Tommaso Landolfi e principale curatrice delle sue opere,  la Commissione regionale per le Pari opportunità ha organizzato un seminario di studi, in programma il 24 maggio.

Per presentare la giornata è stata organizzata una conferenza stampa, che si terrà mercoledì 16 maggio prossimo, alle ore 18, nella sala delle Feste di palazzo Bastogi, in via Cavour 18 a Firenze. Interverranno il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, la presidente della commissione Pari opportunità Rosanna Pugnalini e la direttrice dell’Archivio di Stato di Firenze Carla Zarrilli. Sono previsti contributi di Gilberto Colla, Giovanni Maccari, Rosalia Manno Tolu, Ernestina Pellegrini, Rodolfo Sacchettini, Antonio Stango. Seguirà il “Concerto per Idolina”, con i soprano Martina Barreca eValentina Vitolo eDimitri Betti al clavicembalo.

Idolina Landolfi,  laureata in letteratura italiana all’Università di Firenze,  ha lavorato a “Il Giornale” diretto da Indro Montanelli e collaborato con riviste e periodici. Traduttrice  dal francese e dall’inglese, nel  1996 ha fondato il Centro studi Landolfiani, con l’obiettivo di raccogliere materiali biografici su suo padre, organizzare convegni e curare le riedizioni delle sue opere. Tra i suoi libri da segnalare Matracci e storte, Sotto altra stella, Scemo d’amore, il romanzo inedito Io sono mio padre.  (Cecilia Meli)

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi