Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

 

 

Gli anni dalla “miseria nera” al miracolo economico. Ricordi di Paolo Cintolesi e fratelli

presentazione del volume a cura di Maria Serena Quercioli
martedì 21 giugno 2022, ore 16.30
Auditorium G. Spadolini

programma

Comunicato stampa

Paolo Cintolesi, classe 1942, era un bambino-operaio nella Prato degli anni cinquanta. Uno dei tantissimi bambini-operai che con il loro lavoro hanno contribuito al «miracolo economico italiano». Il libro racconta la storia di Paolo e dei suoi fratelli e sorelle ma anche quella dei genitori, dei nonni, della gente di Comeana nei momenti della scuola, del lavoro e della vita sociale.
Il libro è arricchito dalle vignette di Giuliano Rossetti con note introduttive dei sindaci di Carmignano, Edoardo Prestanti e Signa, Giampiero Fossi. 

Maria Serena Quercioli, nata a Firenze nel 1972, diplomata all'istituto tecnico “Ginori Conti” di Firenze  è giornalista dal 1996.
Lavora dal 1993 come corrispondente del quotidiano La Nazione per le redazioni di Firenze e Prato; collabora con il settimanale Toscana Oggi. Autrice di numerosi libri dal 1997 al 2021.  Il racconto-inchiesta “Da San Donnino alle Piagge, viaggio nell’hinterland dal 1986 al 2006”, ha ottenuto il terzo posto al premio “Raccontare la periferia” ed è stato inserito nell’antologia del Gabinetto Vieusseux di Firenze. Nel 2016 l'articolo “Mabruke e Paola” ha ottenuto il terzo posto al premio nazionale di giornalismo “Ennio Macconi” a Firenze, dedicato al tema dell'immigrazione. Nel 2020 il racconto “Giuseppina Storai, storia di una maestra cieca che insegnava agli studenti vedenti” ha vinto il terzo premio del concorso.

L’accesso all’iniziativa è gratuito e sarà contingentato ai sensi della normativa volta al contenimento della diffusione del contagio da Covid-19.