Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

 

 

Storia di un "povero prete". Don Ivan Cornioli poeta, artista, padre spirituale

presentazione del libro di di Anna Vieri e Pierluigi Ermini
lunedì 11 dicembre 2017, ore 17
sala delle Feste, palazzo Bastogi

programma

Il volume nasce dalla volontà di ricordare un sacerdote caro a molte persone e di farlo conoscere a quanti non hanno avuto la fortuna di incontrarlo.
Nella prima parte della narrazione, Anna Vieri ripercorre i primi anni di sacerdozio di don Ivan e l’esperienza vissuta accanto al Movimento Operaio come assistente delle Acli e dei giovani lavoratori di Gioventù Aclista in Valdarno e a Roma; nella seconda, scritta da Pierluigi Ermini,  si ricorda il periodo trascorso, dopo il suo rientro dalla capitale, nella Parrocchia sangiovannese di San Pio X e si racconta l’opera del parroco, la sua energia innovativa, importante per la comunità parrocchiale e per tutta la città di San Giovanni, con la quale è riuscito a dar vita a esperienze importanti in campo sociale come l’Associazione valdarnese  di solidarietà e la Caritas.
 
Anna Vieri, nata e cresciuta in Valdarno, ha partecipato fin da giovane alle attività della Gioventù Aclista e poi dell’Acli. E’ fra i fondatori dell’Associazione valdarnese di solidarietà ed poi dell’Associazione dei club degli alcolisti in trattamento.
Ha pubblicato anche un racconto ispirato alla storia vera di una famiglia sangiovannese “Tra due guerre”.
 
Pierluigi Ermini, nato e cresciuto a S.Giovanni Valdarno, ha partecipato alle attività della Parrocchia di San Pio X negli anni ’80. Nel volontariato si è occupato del problema delle barriere architettoniche per l’Associazione valdarnese genitori ragazzi handicappati; dal 2014 è referente di Libera Valdarno.