Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

 

 

Napoleone dall' Elba all' Europa

presentazione del libro a cura di Gabriele Paolini - Edizioni dell' Assemblea
venerdì 13 ottobre 2017, ore 17.00
Biblioteca della Toscana "Pietro Leopolodo", piazza dell'Unità 1

programma

I saggi contenuti in questo volume riprendono e sviluppano gli interventi svolti al convegno internazionale di studi 1814. Napoleone dall'Elba all'Europa, tenutosi a Firenze il 21 e il 22 novembre 2014, promosso dalla Fondazione Spadolini Nuova Antologia e dalla Regione Toscana.
I contributi che alcuni fra i più autorevoli studiosi italiani e stranieri affidano a queste pagine affrontano il tema della presenza di Napoleone all'isola d'Elba, inquadrato in una dimensione più vasta e complessa di quanto sia stato fatto abitualmente sinora. Al centro del volume non c'è soltanto il dato biografico o aneddotico, pure importante e comunque considerato, ma l'attenzione costante per il quadro generale in cui il soggiorno elbano si verificò.
Si svolse infatti allora quella che uno studioso francese ha chiamato “la guerra segreta di Napoleone”: mesi intensi di un conflitto sotto traccia ma continuo, in parte ancora oggi con molte zone d’ombra, puntellato di spie, intriganti, false intenzioni e diversivi, mosse fulminee e progetti ambiziosi, culminato nella partenza improvvisa, seguita dallo sbarco ad Antibes e nella trionfale marcia alla volta di Parigi per cingere nuovamente la corona di Francia.
La presenza dell'imperatore nell'isola di fronte alle coste toscane assume così un ruolo e una valenza ben diversa e di grande respiro. Non si trattò solo di una pausa forzata, di un'assenza provvisoria in vista del ritorno in grande stile per l''ultimo atto da statista e condottiero, ma di una tappa importante della sua vita e di quella della nuova (sia pure con alcuni tratti vecchi) Europa che nasceva. Si guarda nel libro a come Napoleone considerava i suoi avversari in quei mesi decisivi e a come essi consideravano lui: senza soluzione di continuità fra l'abdicazione del 1814 e lo sbarco in Francia di un anno dopo.
Le tre sezioni in cui è articolato il libro – gli scenari europei, italiani ed elbani – sono da questo punto di vista dei cerchi che si integrano e si completano fra loro.

Il contributo di Cosimo Ceccuti