Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

 

 

La Cavalcata dei Magi di Benozzo Gozzoli. Storia, ermetismo e antiche simbologie

presentazione del volume di Costanza Riva
lunedì 20 marzo 2017, ore 17.00
Sala Gonfalone, Palazzo del Pegaso

programma


Abstract
“Questo volume di Costanza Riva rappresenta un appassionante viaggio tra i simboli della Cavalcata dei Magi di Gozzoli. L’autrice non si limita a ripercorrere la simbologia di uno degli affreschi più suggestivi presenti nei palazzi pubblici fiorentini, ma ripercorre tutto un pensiero, quello neoplatonico. Durante il Quattrocento il grande interesse per l’antichità classica spinse umanisti al recupero e alla rilettura delle opere più significative del mondo classico in ambito filosofico, politico, scientifico e letterario”
(dalla prefazione di Eugenio Giani)

 
Costanza Riva  studiosa e ricercatrice, è nata a Firenze dove vive e svolge i suoi studi. Da anni si dedica alla riscoperta delle tradizioni antiche alle quali affianca conoscenze di simbologia e mitologia. Il suo profondo interesse per la dottrina ermetica l’ha portata a delineare un nuova lettura simbolica di monumenti, parchi e giardini storici. E’ anche autrice di numerosi saggi e articoli sulla storia della città di Firenze e da vari anni li pubblica on line sul sito  www.accademiasalute.eu.
Ha scritto e pubblicato i seguenti libri: Antichi Sapori (in collaborazione) 2009; Boboli il giardino alchemico, 2010;  La Grotta Grande di Boboli, laboratorio di meraviglie, 2011; Pratolino, il sogno alchemico di Francesco I de’ Medici - miti, simboli e allegorie, 2013. Inoltre è appassionata di pittura iconografica che studia sia come antica tecnica pittorica che come simbologia delle forme e dei colori.