Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine e di fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per informazioni sui cookie dei siti di Regione Toscana e su come eventualmente disabilitarli, leggi le  Cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque altro link nella pagina acconsenti all'uso dei cookie.

 

 

Pinocchio raccontato per immagini

presentazione del volume di Mauro Boninsegni
giovedì 23 marzo 2017, ore 17.00
Sala Gonfalone, Palazzo del Pegaso

programma


Abstract
Quando i personaggi del Pinocchio di Mauro Boninsegni - lineari, essenziali e con tutti i loro giunti in evidenza, come costruzioni realizzate col meccano - sono approdati nel Museo del Parco di Pinocchio a Collodi, nell’estate del 2015, hanno risvegliato in tutti un’immediata simpatia.
Al di là dell’originalità nella tecnica usata per ottenere un effetto bassorilievo, al di là della ricchezza di iconografia - è come se davanti agli occhi ci scorresse un film del libro collodiano, tanto dettagliata ne è la “traduzione” in immagini realizzata da Boninsegni -, è stato a colpire tutti sicuramente il carattere di gioco semplice e appassionante, proprio come quelli dei bambini di una volta - ma qualche volta, speriamo, anche di oggi - che traspira da questa interpretazione visiva così particolare.
I personaggi, gli arredi, ritagliati nel cartoncino, “imbullonati” spesso a mostrarne le articolazioni invece di nasconderle o sfumarle, prendono non solo un rilievo materiale, ma diventano giocattoli nella loro accezione familiare e universale, di oggetti che rappresentano il mondo e che ad imparare a rapportarsi col mondo servono. Proprio quello che Pinocchio è, da molte generazioni, per i bambini di tutti i Paesi.
Siamo lieti che la mostra, conclusa l’esposizione a Collodi, abbia continuato il proprio viaggio in tante altre sedi, e che sia approdata anche alla sua forma di libro. Un libro che accompagna passo passo alla riscoperta delle Avventure di Pinocchio di Carlo Collodi, con i suoi riferimenti dettagliati e puntuali, e soprattutto con il suo spirito così vicino alla raffinata semplicità ed essenzialità che pervadono l’opera collodiana.

Pier Francesco Bernacchi
(presidente della Fondazione nazionale Carlo Collodi)


Mauro Bonisegni è nato nel 1944 in un piccolo paese nei pressi di Reggello. Il colore lo ha sempre affascinato, fin dall'infanzia, quando, per imbrattare qualche foglio di carta, polverizzava pietre per poi impastarle con acqua.
Da ragazzo la famiglia lo ha allontanato da tale passione, pertanto ha studiato elettrotecnica presso l'Istituto Leonardo da Vinci di Firenze, continuando, però, a frequentare corsi di disegno e pittura e, soprattutto, lo studio dello zio Alfonso che ha accettato ed assecondato il suo interesse per la ricerca morandiana.
In età adulta ha frequentato per diversi anni il laboratorio di pittura del comune di Impruneta; ha poi conosciuto Marcello Fantoni, che è diventato un amico ed un maestro e grazie al quale Boninsegni è entrato nell'associazione Antica Compagnia del Paiolo, all'interno della quale oggi è membro del consiglio direttivo.
Nel periodo che va dal 2009 al 2016 ha pubblicato La tela e la tavola e Una Foglia m'ha detto ed ha illustrato La storia di Pipetta; inoltre, leggendo e rileggendo Le avventure di Pinocchio, ha disegnato uno per uno gli interpreti secondo la loro storia, ed ha applicato i personaggi su fogli di carta illustrati con paesaggi ed ambienti disegnati con i pastelli a mo' di collage, ottenendo un effetto di bassorilievo.
Le ottanta tavole rappresentanti Le avventure di Pinocchio, dopo essere state esposte in quattro diverse mostre, sono state riunite in un libro dal titolo Pinocchio raccontato per immagini, volume  edito da Masso delle Fate Edizioni pubblicato con il patrocinio della Fondazione nazionale Carlo Collodi.