Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Comunicati stampa gruppi politici

Il popolo toscano - riformisti 2020 - 12 febbraio 2015

Commissariamento Banca Etruria, Marco Manneschi (Tcr): “Importante ora un confronto con i commissari per il risanamento dell’Istituto e la salvaguardia dei livelli occupazionali”

“A differenza di altri, non ho mai fatto il tifo per le elezioni nei consigli di amministrazione, augurandomi sempre che venissero scelte persone di elevata competenza professionale e soprattutto libere da conflitti di interessi anche potenziali”. E’ quanto ha affermato il consigliere regionale di Toscana Civica Riformista Marco Manneschi, all’indomani del commissariamento di Banca Etruria.
Ho sempre ritenuto che gli amministratori di un Istituto di Credito debbano agire rispettando le leggi, e che se ciò non accade debbano essere sanzionati severamente, vista la funzione attinente all’economia e alla fiducia dei risparmiatori che gli istituti di credito svolgono.
Il commissariamento della Banca contiene implicitamente un giudizio severo sulle gestioni che l’hanno caratterizzata. Fin da quando sono emerse le prime difficoltà ho chiesto la massima trasparenza, perché la verità viene sempre a galla prima o poi; più tardi emerge e più le conseguenze rischiano di essere pesantissime.
Ora tutte le Istituzioni aprano un confronto con i commissari affinché venga garantito il risanamento dell’Istituto e la salvaguardia dei livelli occupazionali”.
 

Responsabilità di contenuti e aggiornamenti a cura dei singoli gruppi consiliari e/o del Portavoce dell'opposizione