Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Comunicati stampa gruppi politici

Il popolo toscano - riformisti 2020 - 16 dicembre 2014

Fedeli (TCR) : “ La Mukki non deve essere svenduta. E’ un’eccellenza che deve restare toscana”

“ Svendere una realtà preziosa per il territorio ed un’eccellenza della toscanità che rappresenta, sarebbe una scelta insensata che mi impegnerò a scongiurare a tutti i costi”. Questo il commento di Giuliano Fedeli, Consigliere regionale di Toscana Civica Riformista e Vicepresidente del Consiglio, sulla vicenda Mukki, la cui cessione da parte dei soci pubblici è stata ipotizzata nei giorni scorsi. “ Ho visitato di persona l’azienda e gli allevatori che producono il latte- ha commentato Fedeli. Un’ espressione sana del made in Tuscany, un’azienda virtuosa che ha puntato tutto sulla qualità dei prodotti e che deve essere da modello per le altre imprese. Per questo motivo la possibilità che venga svenduta al miglior offerente è un’opzione poco lungimirante e un suicidio vero e proprio per il settore agroalimentare. Ritengo invece che, se si vuole ripartire, lo si debba fare con un progetto di ampio respiro che preveda la creazione di una rete di produttori di eccellenza. Una rete toscana del latte che punti sul lavoro sinergico tra le varie realtà gioiello del territorio”. “ Ritengo prioritario- ha poi concluso-  impegnarsi per rafforzare a livello regionale quell’esempio di buona impresa che rappresenta la Mukki, tutelando i livelli occupazionali e non disperdendo il patrimonio prezioso della filiera corta”.

Responsabilità di contenuti e aggiornamenti a cura dei singoli gruppi consiliari e/o del Portavoce dell'opposizione