Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Comunicati stampa gruppi politici

Gruppo Misto - 8 gennaio 2013

Centomila euro alla Fondazione Giovanni XXIII: il regalo di Natale della Regione Toscana alla Chiesa Cattolica. Romanelli (SEL): “Non abbiamo bisogno di questi atti di ossequio ai poteri forti, mentre si tagliano posti letto negli ospedali”.

COMUNICATO STAMPA, Firenze 8 Gennaio 2013
Centomila euro alla Fondazione Giovanni XXIII: il regalo di Natale della Regione Toscana alla Chiesa Cattolica. Romanelli (SEL): “Non abbiamo bisogno di questi atti di ossequio ai poteri forti, mentre si tagliano posti letto negli ospedali”.
 
 
“Come l’anno scorso, anche quest’anno nel periodo natalizio la Giunta Regionale ha deciso di stanziare fondi, ben centomila euro (Delibera 1139 del 17 dicembre 2012), a favore della  Fondazione per le scienze religiose Giovanni XXIII per il progetto “la Bibbia di Marco Polo fra Europa e Cina” – rende pubblico il Consigliere Regionale di Sinistra Ecologia e Libertà Mauro Romanelli.
 
“Il progetto sarà anche sicuramente interesasante, ma in tempo di crisi e di profondi tagli alla cultura, alla sanità, al sociale, non è certamente prioritario e irrinunciabile”. “La Chiesa non è certamente un Istituto in crisi, ha proprietà immobiliari e gode di benefici ed esenzioni: non comprendo quindi questi regali per progetti culturali che potrebbero benissimo marciare con le proprie gambe”.
 
"Mi sembra che siamo alle solite: un atto di ossequio verso un potere forte, inutile e particolarmente volgare, vista la condizione delle finanze regionali che ci costringe a tagliare posti letto negli ospedali. Non abbiamo bisogno di queste cose, non ne ha bisogno il Presidente Rossi che risulta il più amato dei Presidenti di Regione. Proprio per questo, dispiace particolarmente che non si riesca a fare a meno di queste logiche " - conclude Romanelli
 

Responsabilità di contenuti e aggiornamenti a cura dei singoli gruppi consiliari e/o del Portavoce dell'opposizione

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Gruppo politico

 

Condividi