Home > Comunicati > ComunicatoIndietro  

Comunicati stampa

COMUNICATO STAMPA  n. 0571


Giornata mondiale del Gioco: Bianchi, è un diritto di tutti e dovere di ogni adulto garantirlo

Un appuntamento speciale a Pisa il 28 maggio, dalle 16 in Logge di Banchi, con il patrocinio del Garante per l’Infanzia e l’adolescenza. Un pomeriggio di gioco organizzato da Ainsped Regione Toscana e dal comitato provinciale Unicef

 

di Emmanuel Milano, 27 maggio 2021

 

Il 28 maggio si celebra in tutto il mondo la giornata del diritto al Gioco e a Pisa ci sarà un appuntamento speciale in Logge di Banchi dalle 16 alle 20. Un pomeriggio organizzato da Ainsped Regione Toscana, dal comitato provinciale Unicef con il patrocinio del Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Toscana Camilla Bianchi e del Comune di Pisa. Sarà visibile una mostra fotografica intitolata ‘Infanzia in gioco’ che riprenderà momenti di gioco dei bambini pisani nell’area gioco di San Rossore, per sottolineare l’importanza dell’education outdoor, e dei tanti spazi verdi che la città di Pisa può offrire, ottima strategia educativa in questo periodo pandemico.
 
Ogni foto ricorderà sprazzi di vita dei nostri bambini, prima, durante e dopo la pandemia mettendo a confronto il ‘tempo’. Immagini che saranno affiancate da una Pigotta dell’Unicef. Durante la mostra fotografica Ainsped Toscana e Unicef Pisa proporranno ai bambini presenti due giochi: ‘Kinzica de’ Sismondi e il Saraceno’ e ‘Il gioco del ponte dei nini’, tra leggende e verità in cammino verso il Giugno Pisano. Anche la Pigotta vestirà gli abiti della nobile Kinzica. Ma non è tutto. Attraverso l’utilizzo della audio diffusione Ainsped Toscana e Unicef trasmetteranno ‘I diritti dei bambini nell’aria’, una lettura della Carta internazionale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Infine, spazio al gioco sospeso per promuovere questa buona prassi all’interno dei quartieri prevedendo per il prossimo futuro l’organizzazione sociale di punti di raccolta del giocattolo.
 
“Il gioco - ha sottolineato il Garante per l’Infanzia e l’adolescenza Camilla Bianchi - è stato riconosciuto come vero e proprio diritto dallOrganizzazione delle Nazioni Unite, nella Convenzione sui Diritti dell’Infanzia, emanata il 20 novembre 1989 a New York. L’evidenza scientifica mostra come il gioco promosso fin dalla primissima età sia essenziale per lo sviluppo delle competenze emotive, cognitive, intellettuali, psicologiche, sociali e motorie di ogni infante con effetti positivi sulla costruzione della sua personalità e del suo benessere fisico e mentale”.
 
“Il gioco - ha aggiunto Camilla Bianchi - promuove, infatti, lo sviluppo della creatività, del pensiero astratto, del linguaggio e dell’autoregolazione e favorisce, altresì, l’interazione tra pari nonché l’inclusione sociale.E’ necessaria pertanto una maggiore considerazione dell’importanza del gioco sia da parte della famiglia, della scuola che delle istituzioni. Il diritto al gioco per le bambine ed i bambini, deve essere garantito sempre di più ed in maniera sostanziale sia all’interno del sistema scolastico, sia durante il tempo libero anche attraverso l’effettiva accessibilità di spazi e servizi per tutti, anche per quelle bambine e bambini con particolari difficoltà motorie o disabilità. Il gioco è un diritto di tutti, è dovere di ogni adulto garantirlo”.