Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine e di fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per informazioni sui cookie dei siti di Regione Toscana e su come eventualmente disabilitarli, leggi le  Cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque altro link nella pagina acconsenti all'uso dei cookie.

Posta elettronica certificata

La Posta Elettronica Certificata (PEC) è un sistema di posta elettronica nel quale è fornita al mittente una documentazione elettronica, con valenza legale, attestante l'invio e la consegna al destinatario dei messaggi e-mail.
Si tratta dell'equivalente digitale della raccomandata A.R. cartacea.
Si ricorda però che perché la comunicazione acquisisca valore legale il mittente ed il destinatario devono disporre entrambi di un servizio di Posta Elettronica Certificata. L’invio di una mail da una normale casella di posta elettronica non ha il valore di raccomandata A.R., ma vale al più come una e-mail generica.
La PEC è indicata per la trasmissione di documenti in formato elettronico di comunicazioni "ufficiali", per le quali il mittente vuole avere delle evidenze con valore legale dell'invio e della consegna del messaggio.
 

Per i cittadini

Il Consiglio regionale della Toscana ha istituito una casella di posta istituzionale:
consiglioregionale@postacert.toscana.it

Per garantire la piena leggibilità dei documenti il Consiglio regionale accetta esclusivamente file in formato pdf da allegare ai messaggi. Inoltre, per una migliore gestione del servizio, nel messaggio della mail devono essere chiaramente indicati:
• l’oggetto della comunicazione
• il tipo di documento inviato (da allegare al messaggio)
• l'ufficio specifico a cui è indirizzata la comunicazione (se conosciuto).

Per facilitare le comunicazioni telematiche con i privati, il Consiglio regionale della Toscana mette a disposizione di cittadini, libero professionisti, imprese e associazioni un servizio web denominato Ap@ci  che consente di inviare documenti digitali e ricevere dall’amministrazione pubblica documenti digitali certificati.

Ap@ci consente di:
- inviare documenti digitali con valore legale
- avere un quadro completo delle comunicazioni inviate e ricevute
- ricevere la notifica del numero di protocollo assegnato alla comunicazione inviata
- ricevere analoga notifica anche al proprio domicilio elettronico dichiarato (posta ordinaria o PEC)

Per le amministrazioni pubbliche

Il Consiglio regionale della Toscana comunica telematicamente con le amministrazioni del territorio toscano attraverso il protocollo interoperabile InterPRO.
Le Amministrazioni RTRT (Rete Telematica Regionale Toscana) attive su InterPRO sono elencate nell’indice delle Pubbliche Amministrazioni Regionali IPAR. I documenti scambiati devono essere firmati digitalmente.
Le amministrazioni del territorio nazionale e quelle che non utilizzano ancora InterPRO, elencate nell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni IPA, possono comunicare con il Consiglio regionale scrivendo all’indirizzo certificato:
• consiglioregionale@postacert.toscana.it

La comunicazione perviene al Consiglio tramite InterPRO e, sempre tramite questo canale, il Consiglio scrive alle amministrazioni e la comunicazione viene recapitata ai loro indirizzi di Posta Elettronica Certificata (PEC).

InterPRO e il collegato Ap@ci rappresentano il primo step per la costruzione di un sistema documentale dematerializzato, realizzano l’automazione dell’ingresso dei documenti attraverso il protocollo e quindi lo scambio di documenti digitali. Comunicando tramite InterPRO e Ap@ci l’interlocutore, pubblico o privato, ha garanzia dell’arrivo, della ricezione e del trattamento della documentazione inviata.

Per inviare al Consiglio regionale richieste di informazione, segnalare manifestazioni, fare quesiti o simili, deve essere  utilizzato l’indirizzo: urp@consiglio.regione.toscana.it