Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Con l'adesione del Presidente della Repubblica

 

Pianeta Galileo 2006

Avvicinarsi al mondo della ricerca e della scienza in modo semplice, diretto, comprensibile. E' il messaggio, e l'obiettivo, di Pianeta Galileo, giunto alla terza edizione. Biologia, matematica, chimica, fisica, psicologia, e i tanti altri campi del sapere scientifico che in parte affascinano, in parte respingono per quella distanza, non solo psicologica, che finiscono per generare, possono essere illustrati con linguaggio semplice, trasmettendo un ''nuovo piacere'', quello della ricerca. In armonia con il fine primario della scuola, non si tratta tanto di un'opera di ''divulgazione'', quanto di ''educazione'' al pensiero scientifico, una sorta di progressivo avvicinamento allo spirito stesso della ricerca. Incontri differenziati secondo il livello delle scuole frequentate, seminari, laboratori di ricerca, visite guidate a musei, siti archeologici, osservatori astronomici, rappresentazioni teatrali, film: tutto il programma di Pianeta Galileo si fa sempre più ricco, staremmo per dire più ''democratico''. Nella storia, quasi sempre il sapere è stato, è, fondamento del ''potere'' e la tendenza è sempre stata di renderlo esclusivo, riservato a classi dirigenti, élites politiche, industriali, economiche, culturali. Sviluppare riflessioni sul sapere scientifico, diffonderne la conoscenza, favorirne la comprensione deve diventare una ''determinante strutturale'', non solo ''culturale'', della nostra società, fino a farne l'elemento portante del nostro sviluppo e della nostra idea di modernità.

Riccardo Nencini
Presidente Consiglio Regionale della Toscana