Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Indipendenza della Toscana
 

Il 27 aprile 1859 il granduca Leopoldo II di Lorena lasciò Firenze e e si insediò il Governo provvisorio della Toscana: la Toscana divenne indipendente dal regno degli Asburgo-Lorena.
“Il 27 aprile 1859 –  afferma il presidente del Consiglio regionale – rappresenta un momento di cesura fondamentale: la Toscana, dopo 290 anni di Granducato, sceglie l’indipendenza e svolge un ruolo decisivo nel Risorgimento”.
Quasi un anno più tardi, nel marzo 1860, si tenne il plebiscito che decretò a larghissima maggioranza l'annessione della Toscana al Regno di Sardegna: votarono oltre 366 mila toscani e i voti favorevoli furono il 94%. Seguirono altre regioni. “In due anni – sostiene il presidente Eugenio Giani – accadde qualcosa di magico, l’Italia divenne unita. E se il Piemonte mise la dinastia, la Toscana ha messo la lungimiranza di una classe dirigente che chiese al granduca di andarsene senza spargimento di sangue. Fu, anche quella, una rivoluzione di velluto”. 
Il 27 aprile è dunque una data importante che diventa ricorrenza da celebrare ogni anno con numerose iniziative istituzionali in tutto il territorio della Regione.


    

Contenuto aggiornato al 2 settembre 2016