Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Chiurli Gabriele


E' nato il 16 novembre 1965 ad Arezzo dove tuttora risiede.
Ha conseguito la licenza media inferiore. A 16 anni era già dipendente nell’officina del padre, a 19 si è messo in proprio come ambulante di generi alimentari. E’ stato proprietario di un bar prima di dedicarsi all’attività di un panificio. Oggi ha un forno-pasticceria a Castiglion Fibocchi. E' coniugato dal 1991 ed ha un figlio.
La sua carriera politica ha inizio nel 2000 con la militanza nella Lega Nord, di cui viene eletto segretario provinciale nel 2009.
Affronta la campagna elettorale per le regionali del 28 e 29 marzo 2010 con la Lega Nord, facendo eleggere un consigliere regionale. Dopo soli nove mesi da segretario, si è dimesso fondando il movimento locale Unione Toscana. Con Unione Toscana si è presentato alle comunali di Arezzo, come candidato sindaco. Pochi mesi dopo ha lasciato il movimento.
Nel luglio 2013 ha fondato il movimento Democrazia Diretta, con lo scopo di portare i cittadini a legiferare direttamente, sul modello democratico svizzero.
  
E' entrato in Consiglio regionale nella seduta del 11 febbraio 2013 in sostituzione del consigliere scomparso Dario Locci.
E' componente della Prima Commissione "Affari istituzionali, programmazione e bilancio", della Commissione di controllo e della Commissione d'inchiesta sulle operazioni immobiliari Asl . Fa parte inoltre dei gruppi di lavoro dedicati alla legge elettorale toscana e alla riforma dello Statuto regionale.
Aderisce al Gruppo Misto.