Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Taradash Marco

E' nato a Livorno il 19 maggio del 1950. Maturità classica a Livorno, studi di filosofia all'Università di Pisa, di economia politica al Ceses di Venezia, di scienza politica alla Cesare Alfieri di Firenze.
Nel 1974 è stato tra i fondatori, con l'attuale ministro per lo sviluppo Paolo Romani, di Telelibera Livorno (poi TVL), una esperienza pilota di Tv indipendente via etere. Iscritto dal 1968 alla Gioventù Liberale Italiana ha partecipato per vari anni alla vita politica del PLI. Nel 1976 si iscrive al Partito Radicale, e, chiusa l'esperienza televisiva, alla fine degli anni Settanta si è trasferito a Roma. Qui ha unito all'attività politica quella di giornalista: diventato professionista col mensile Prima Comunicazione, ha inaugurato la rassegna stampa di Radio Radicale, 'Stampa e Regime', che cha condotto per dieci anni, fino a quando, nel 1989, è stato eletto deputato al Parlamento Europeo con la lista Antiproibizionista legata al Partito radicale. Nel 1992 è stato eletto alla Camera nella lista Pannella, ed è stato relatore di minoranza nella Commissione Antimafia; nel 1994 è stato eletto nel collegio uninominale di San Giuliano Milanese con una lista Riformatori-Forza Italia ed è diventato Presidente della Commissione di Vigilanza sulla Rai. Nel 1995 fonda la Convenzione per la Riforma Liberale che riunisce prestigiosi esponenti della cultura italiana come Lucio Colletti, Dario Antiseri, Marcello Pera, Piero Melograni, Raimondo Cubeddu, Saverio Vertone, Giorgio Rebuffa. Nel 1996, dopo le elezioni anticipate e la vittoria in un collegio uninominale del salernitano, è diventato capogruppo di Forza Italia nella Commissione Bilancio della Camera. Nel 1999 è stato tra i promotori del referendum per l'abolizione della quota proporzionale della legge elettorale, che ha ottenuto oltre 21 milioni di voti a favore ma ha fallito il quorum per 150 mila voti. Nel 2001 non si è ricandidato al Parlamento ed è tornato alla sua attività di giornalista della carta stampata (il Foglio, L'Opinione, Italia Oggi), internet (L'Occidentale, 11minuti), radiofonica (Radio Radicale) e televisiva (Telelombardia, Retequattro, La Tv della Libertà, Redtv). Nel 2005 fonda con Benedetto Della Vedova, Peppino Calderisi, Carmelo Palma ed Emilia Rossi il movimento dei Riformatori Liberali. Nel 2009 viene candidato Sindaco per il centrodestra al Comune di Livorno, e diventa capogruppo del Pdl nel Consiglio comunale. E' attualmente consigliere comunale di Livorno.

Alle consultazioni regionali del 28 e 29 marzo 2010 è stato eletto consigliere sia come candidato regionale nella lista Il Popolo della Libertà che come candidato provinciale nella circoscrizione di Livorno ed ha optato per quest’ultima. E’ componente della Terza Commissione "Sviluppo economico", della Commissione di controllo e della Commissione d'inchiesta sui fatti relativi all'Alta velocità di Firenze ed è presidente della Commissione istituzionale per le politiche comunitarie e gli affari internazionali.

Ha aderito al gruppo Il Popolo della Libertà.
Dal 20 novembre 2013 aderisce al gruppo Il Popolo della Libertà-Nuovo Centrodestra, dal 27 novembre rinominato Nuovo Centrodestra, di cui è vicepresidente.