Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Santini Giovanni

E' nato a Corfino in Garfagnana nel 1954 e risiede a Viareggio dal 1972.
Lavora nelle Ferrovie dello Stato nel settore commerciale e marketing, è iscritto alla Cisl. Fin da giovane è stato attivo nel volontariato cattolico e nell’associazionismo sportivo e culturale.
Ha maturato una vasta e progressiva esperienza politica che lo ha portato a ricoprire l’incarico di segretario comunale e poi provinciale della Democrazia Cristiana.
È stato consigliere circoscrizionale, comunale, assessore e vice-sindaco di Viareggio. Eletto nel 1997 al Consiglio Provinciale di Lucca, per unanime scelta del centro destra è stato designato vicepresidente del Consiglio Provinciale. Altrettanto unanimemente la Casa delle Libertà lo ha indicato per la candidatura alla presidenza della Provincia nel 2001. Dal 2001 al 2006 è stato presidente del gruppo consiliare di Forza Italia, incarico a cui è stato riconfermato dopo la rielezione in Consiglio Provinciale nel maggio 2006. Dal 2003 è componente del Direttivo nazionale dell’Unione Province d’Italia. L’Assemblea Regionale delle Province Toscana U.R.P.T., nel novembre 2004, lo ha eletto alla vicepresidenza. Attualmente è coordinatore comunale del PDL di Viareggio e coordinatore provinciale PDL di Lucca.

Alle consultazioni regionali del 28 e 29 marzo 2010 è stato eletto nella circoscrizione di Lucca nella lista del Popolo della Libertà. E’ componente della Settima Commissione "Mobilità e infrastrutture".

Aderisce al gruppo Il Popolo della Libertà di cui è presidente.
Dal 1 gennaio 2014 il gruppo ha assunto la denominazione Forza Italia.