Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Matergi Lucia

E' nata a Grosseto il 1 maggio 1951, si è laureata in lettere moderne all’Università “La Sapienza” di Roma con una tesi sulle traduzioni di Quasimodo dai poeti lirici greci; ha insegnato italiano e latino in vari istituti, infine al liceo linguistico “Rosmini” di Grosseto, scuola che lei stessa aveva contribuito a costruire, come risposta pubblica ai licei linguistici privati. Priorità della sua attività di docente, la laicità e l’inclusione democratica, obiettivi la valorizzazione dei saperi e l’educazione alla cittadinanza. Dagli anni '80 autrice di progetti legati alla multiculturalità e formatrice di teatro scolastico per la Regione Toscana, ha dato vita dal 1997 alla Rassegna Provinciale del Teatro della Scuola- Premio Città di Grosseto. E’ stata inoltre collaboratrice di “Scespir”, rivista della Rassegna Nazionale del Teatro Scolastico, ha dato vita dal 1997 alla Rassegna Provinciale del Teatro della Scuola - Premio Città di Grosseto, tuttora viva e riconosciuta non solo localmente, ma anzi attualmente riferimento regionale per il contrasto alla dispersione scolastica, per l'inclusione di tutti i ragazzi, per l'innalzamento qualitativo dei processi educativi mediante la creazione di reti tra scuole, tra insegnanti e tra operatori scolastici e professionisti di diversa matrice.

Si è messa in politica attivamente nel 2001, svolgendo ruoli direzionali e contribuendo poi alla fondazione del Pd, del quale è dirigente. E’ vicepresidente regionale e membro della direzione nazionale di Anci-Federsanità. Vicesindaco di Grosseto dal 2006 al 2010, ha avuto le deleghe all’istruzione, all’università, alle politiche sociali e alle istituzioni culturali. Molto attiva nella riqualificazione e promozione della cultura e della pratica teatrale, convinta promotrice di reti operative tra le autonomie scolastiche, ha seguito da vicino l’iter della legge regionale per l’istituzione del Fondo per la non autosufficienza. Dal 2007 è impegnata nella costruzione della Società della Salute dell’Area Grossetana, nel gennaio 2010 ne è stata presidente. E' membro della direzione regionale del PD. Dal 2012 è presidente dell'Istituto Gramsci di Grosseto.

Alle consultazioni regionali del 28 e 29 marzo 2010 si è candidata nella circoscrizione di Grosseto nella lista del PD-Riformisti toscani. E' entrata in Consiglio regionale nella seduta del 7 maggio 2010, in sostituzione della consigliera Anna Rita Bramerini nominata assessore regionale. Impegnata sulle tematiche della cooperazione sociale e della disabilità è componente della Quarta Commissione "Sanità e politiche sociali", al cui interno si occupa anche di politiche di genere fin dal 2011, quando coordina l'indagine conoscitiva regionale sui consultori familiari: da lì l'impegno nel contrasto alla violenza di genere e nella tutela delle donne nel lavoro.

Aderisce al gruppo Partito Democratico.