Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Faenzi Monica

E' nata a Grosseto il 21 maggio 1965. laureata in giurisprudenza. È sindaco di Castiglione della Pescaia dal 2001 e parlamentare, si è candidata a Presidente della Regione per il Partito della libertà nelle consultazioni elettorali del 28 e 29 marzo 2010, entrando così in Consiglio regionale.
Intraprende la carriera politica nel 1998, ricoprendo a Grosseto la carica di assessore comunale alla Cultura e ai Servizi Sociali nella giunta guidata da Alessandro Antichi. Nel 2001 viene eletta sindaco a Castiglione della Pescaia, prima donna nella storia del paese, con il 52,12% dei consensi, a capo di uno schieramento di centro-destra; nel 2006 viene confermata con il 52,72% dei voti. Il suo impegno si caratterizza particolarmente per la difesa dell’ambiente, la lotta agli abusi edilizi, le azioni per contrastare l’emergenza abitativa e per la tutela della salute. Durante i suoi mandati Castiglione della Pescaia vince più volte il riconoscimento internazionale Bandiera Blu per l’attenzione all’ecologia e all’ambiente marino.
Nel 2005 diventa vicepresidente della Commissione Pari opportunità della Regione Toscana. In occasione delle elezioni politiche del 2008, è eletta alla Camera dei deputati per il Popolo delle Libertà, ed entra a far parte delle commissioni Agricoltura e Attività produttive, commercio e turismo. Fa parte del “Comitato dei 100” per lo studio dello Statuto del Pdl.

Il Consiglio prende atto delle sue dimissioni da consigliere regionale nella seduta del 7 maggio 2010 per incompatibilità con la carica di parlamentare. Le subentra il consigliere Dario Locci.

(scheda biografica a cura dell'Agenzia per l'informazione del Consiglio regionale)