Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Alfano Sonia

E' nata il 15 ottobre del 1971 a Messina.
Nel marzo 2009 è stata eletta al Parlamento europeo come indipendente. Da europarlamentare, è membro della commissione per le libertà civili, della commissione per la giustizia e gli affari interni, membro della delegazione per le relazioni con i paesi del Maghreb e l'Unione del Maghreb arabo e membro della delegazione all'Assemblea parlamentare euro mediterranea.
È funzionario della Regione Siciliana, sindacalista ALBA e coordinatrice di soccorsi in emergenze. Si è diplomata presso il liceo classico Luigi Valli di Barcellona Pozzo di Gotto (Me). Ha interrotto gli studi universitari alla facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Palermo dopo la morte del padre Beppe, ucciso dalla mafia, per le sue inchieste scomode, l’8 gennaio del 1993. A seguito della morte del padre ha cominciato un’intensa attività antimafia. Nel 2007 è diventata coordinatrice regionale del movimento antimafia "E adesso ammazzateci tutti".

Nel febbraio del 2008, ha costituito l’Associazione Nazionale dei Familiari delle Vittime della mafia, della quale è stata eletta presidente all’unanimità. Il 28 febbraio del 2008 ha annunciato la sua candidatura alla Presidenza della Regione Siciliana, con la lista “Amici di Beppe Grillo con Sonia Alfano Presidente”.

Alle consultazioni regionali del 28 - 29 marzo 2010 è stata eletta nel listino regionale per l’Italia dei Valori-Lista Di Pietro.
In data 20 aprile 2010 si dimette da consigliere regionale per incompatibilità con la carica di parlamentare europeo. Nella seduta di insediamento, il 23 aprile 2010, il Consiglio prende atto delle sue dimissioni e la relativa surroga. Le subentra la consigliera Maria Luisa Chincarini.