Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Commissione istituzionale ripresa economico-sociale Toscana costiera

Studio e analisi dello sviluppo socio-economico della Toscana costiera; elaborazione di iniziative legislative e proposte operative alla Giunta regionale; supporto e collaborazione istituzionale con le Commissioni permanenti

COMUNICATO STAMPA  n. 0825


Toscana costiera: Irpet, 18 mila posti di lavoro per sanare gap con aree centrali

Il direttore Stefano Casini Benvenuti è stato ascoltato nella commissione presieduta da Mazzeo, Pd. Chiesto all’Istituto regionale uno studio approfondito per analizzare le criticità e individuare le priorità per il rilancio delle aree della costa

 

12 ottobre 2015

 

Firenze – Quale sviluppo per la Toscana della costa? A parlarne, oggi in commissione istituzionale per la ripresa economico-sociale della Toscana costiera, è stato il direttore dell’Irpet, Stefano Casini Benvenuti, a cui il presidente della commissione, Antonio Mazzeo, Pd, ha chiesto “uno studio approfondito che vada ad analizzare i principali punti di criticità e le priorità di intervento per garantire uno sviluppo e un rilancio vero di quella parte di Toscana al fine di annullare il divario competitivo oggi esistente con l’area centrale”.
      Casini Benvenuti ha spiegato che la Toscana costiera, negli ultimi anni, è rimasta indietro rispetto a quella centrale, nel quadro di una situazione in cui “la Toscana ha comunque perso meno, a livello generale, rispetto ad altre regioni italiane”. Tuttavia per rimettere in pareggio questa zona rispetto al resto della regione, secondo Casini Benvenuti, “occorrerebbe creare almeno 18 mila posti di lavoro, di cui 8 mila nella sola provincia di Grosseto”.
      Casini Benvenuti, oltre ad indicare il numero di posti di lavoro che potrebbe annullare il gap competitivo esistente con la Toscana centrale, ha evidenziato le grandi differenze esistenti, a livello strutturale, all’interno della stessa costa toscana. “Se a Livorno è il porto con il suo indotto a trainare l’economia”, ha detto, “a Carrara vi è l’industria estrattiva ed a Grosseto, ad esempio, ci sono altre tipologie imprenditoriali ed industriali”. Ed a partire da questo il direttore dell’Irpet ha sottolineato che “per ogni area occorrerebbe intervenire con mirati progetti di sviluppo” e che “in realtà si potrebbero creare ben più dei 18 mila posti indicati come soglia minima”.
      “A noi interessa lavorare su idee concrete e realizzabili”, ha affermato Gianni Anselmi, Pd, nel corso del ricco ed articolato dibattito che si è sviluppato in commissione. Un punto, questo, su cui sono detti d’accordo anche Francesco Gazzetti e Stefano Baccelli, Pd, che hanno evidenziato l’importanza degli investimenti infrastrutturali e “la necessità di far decollare opportunità per una nuova e più diffusa occupazione”.
Maggiori e mirati investimenti sulla costa è invece quel che ha chiesto Roberto Salvini, Lega Nord, che dopo essersi soffermato anche lui sull’importanza degli investimenti infrastrutturali ha tuttavia invitato a guardare “oltre i tradizionali modelli di sviluppo”, trovando su questo l’accordo di Elisa Montemagni, Lega Nord, che ha chiesto di invitare in commissione, per conoscerne l’opinione, anche alcune associazioni di categoria, a partire dall’Ance, associazione dei costruttori edili.
Due consiglieri del M5s, Giacomo Giannarelli ed Enrico Cantone, hanno invece chiesto di invitare in commissione esperti della “terza rivoluzione industriale” e di approfondire il “modello Nord Pas de Calais” visto che “esso in Francia funziona”. Infine Alessandra Nardini, Pd, ha chiesto attenzione per l’imprenditoria femminile, mentre Tommaso Fattori, Sì, si è soffermato sull’importanza di studiare in modo puntuale le caratteristiche di ogni area costiera al fine di favorirne lo sviluppo. (mc) 

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana